Lu Testamentu

Buona #FestaDeiNonni!

Noi vogliamo ricordare la loro saggezza attraverso questa bellissima poesia in dialetto che ogni siciliano dovrebbe leggere e regalare al proprio nonno/a.

Runa tempu a lu tempu ripitia me nonnu mentri mi taliava cu occhi ranni e feri, picchì ad ogni pinseri chi stiornu un avi sensu dumanu s'insignerà a dari un pisu lo to cori. Tra li terri mi purtava tinennumi pi manu poi d'impruvvisu si firmava signaliannu un puntu, “talia d'arvulu d'aranciu chinu di ciuri chi crisciu all'ummra di un raggiu ri suli mi ricia!” Eu chi un capia, lu attintava spaisatu e scuncirtatu pinsannu chi la fuddia la so sogghia avia varcatu, pi farici piaciri taliavu lu stessu li rami senza ciuri di n'arvulu piatusu cu quattru fogghie appizzati. Iddu s'avvicinava e livava chiddi sicchi poi pigghiava un catu e accuntintava la terra arsa, anchi si la rina cavura s'agghiuttia tutta d'un ciatu ogni larma d'acqua chi si pusava e un dava saziu. Poi me nonno si vutava e mi taliava minacciusu ricurdannumi chi a li so tempi s'accuntintava ri campari, e cu avia t'anticchia ri furmentu era patruni ri lu Munnu, no, comu stiornu, c'avemu tuttu e unn'apprezzamu nenti! Quannu n'ta st'arvulu sarai capaci ri viriri li frutti anchi se un n'avi e unnè ne lu tempu ne lu misi giustu, allura si chi avrai caputu chiddu chi ora eu ti ricu e tu sarai diventatu un omu saggio e cuscinziusu. Ma chi boli stiornu stu cristiano pinsava a menti mia acchianannu n'ta li truncuna di l'alivi senza pinsari, e mentri s'atavu da un ramu all'atru comu n'aceddu na voci sutta n'tunava lu me nomi forti e prioccupata. Capitava spissu chi di bottu caria n'terra n'chiancennu picchì facia sempri lu cuntrariu r'ogni cunsigghiu, e anchi si meritavu certu na bedda passata ri lignati me nonnu mi pigghiava m'vrazza pirdunannu ogni macagna. Eppure eu lu stessu un capia li riscursi di d'omu ranni picchì sulu pi li divertimenti si sfirniciava la me testa, ma chi buliti eru sulu un picciriddu e puri tostu anchi si du nsignamentu dopo anni mi tornanu n'menti. N'ta d'incontro tra na vita all'inizio e una a la so fini c'era lu testamentu ri na generazione d'atri tempi, picchì du vecchiu a lu so niputeddu masculu vulia n'signari chi lu rispettu prima ri pretendilu di l'avutru s'ava dari.

Fonte: http://www.bernardocarollo.it/Poesie/siciliano/Lu_Testamentu.html

Potresti gradire anche
Post in evidenza
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
Post recenti
Categorie
Archivio
Cerca per tag

SPEDIZIONE GRATIS*

CONSEGNA EXPRESS

PAGAMENTI SICURI

Punto Carni di Arrigo Santo & C snc, via Principe di Castelnuovo 6/8, Villafranca Tirrena (ME) - P.I IT01540960836 - Tel. +39090334318. Copyright © 2020 Punto Carni-Tutti i diritti riservati.